George Carlin

312126_305531436128755_1097743977_nNon è sorprendente che George Carlin, commediografo degli anni “70” e “80” potesse scrivere qualcosa di tanto eloquente.

Il paradosso del nostro tempo è che abbiamo edifici più alti e temperamenti più ridotti.

Strade più larghe e punti di vista più stretti.
Spendiamo di più ma abbiamo meno.

Compriamo di più ma godiamo meno.

Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole.

Maggiori comodità e meno tempo.

Abbiamo più titoli accademici ma meno senso comune.

Maggiore conoscenza ma minore capacità di giudizio.

Più esperti ma più problemi.

Migliore medicina ma minore benessere.

Beviamo molto, fumiamo molto,

Sperperiamo molto.

Ridiamo  pochissimo,

Guidiamo velocemente, ci annoiamo molto,

Soffriamo d’insonnia, Ci svegliamo stanchi.

Leggiamo  poco, vediamo molta televisione e preghiamo  rare volte.

Abbiamo moltiplicato le nostre proprietà ma ridotto i nostri valori.

Parliamo molto, amiamo  pochissimo  e odiamo molto frequentemente.

Abbiamo imparato a guadagnarci la vita, ma non a viverla

Aggiungiamo anni alle nostre vite e  non vita ai nostri anni.

Siamo riusciti ad andare e tornare dalla luna, ma ci riesce difficile attraversare la strada per conoscere un nuovo vicino.

Conquistiamo lo spazio esteriore, ma non quello interiore.

Abbiamo fatto grandi cose, ma non per questo migliori.

Abbiamo cercato di pulire l’aria, ma contaminiamo la nostra anima.

Conquistiamo l’atomo, ma non i nostri pregiudizi.

Scriviamo di più, ma capiamo meno.

Pianifichiamo di più, ma riusciamo meno.

Abbiamo imparato ad affrettarci, ma non ad aspettare.

Produciamo computer che possono processare maggiori informazioni e diffonderle, ma comunichiamo fra noi sempre di meno.

Questi sono tempi di pasti veloci e…… digestione lenta, di uomini di taglia grande e di carattere piccolo, di enormi guadagni economici e relazioni umane superficiali.

Oggigiorno ci sono due stipendi….. ma più divorzi.

Case più lussuose ma…….. focolari rovinati.

 

Ricorda:

La vita non si misura per il numero di volte che prendiamo respiro,  ma per i momenti straordinari che ce lo tolgono.

George Carlin.