Caffè di cicoria: il caffè che ti depura. Ecco perché fa bene

E’ amaro come il caffè, ma non contiene caffeina ed aiuta a depurare l’organismo

Il caffè di cicoria è l’alternativa perfetta al caffè classico e decaffeinato.

Si ricava dalla radice di cicoria (Chicorium intybus), che viene raccolta in autunno e viene prima ripulita dalla terra, viene fatta essiccare e in fine tostata, per poi essere polverizzata.

La polvere così ottenuta viene poi fatta bollire per qualche minuto e poi filtrata, come un comune decotto. Da qui si ricava questa bevanda salutare dal gusto amaro, molto simile al comune caffè, ma con il vantaggio di non contenere caffeina.

Vanta inoltre numerose proprietà che la rendono in tutto e per tutto una bevanda molto salutare e anche per questi motivi il Dott. Piero Mozzi ne consiglia il consumo, in particolare alle persone di gruppo sanguigno 0, che con il caffè classico hanno non pochi problemini (irritazione delle pareti dello stomaco, colite, tachicardia, aritmia, ipertensione, irritabilità, insonnia, ansia, ecc.)

Ma sarebbe riduttivo consigliare il caffè di cicoria solamente ai soggetti di gruppo 0. I vantaggi di chi beve caffè di cicoria infatti sono numerosi, vediamoli insieme.

Benefici del Caffè di Cicoria

La radice di cicoria è ricca di nutrienti e sostanze benefiche quali: polifenoli, sostanze amare, acidi organici, inulina (fibre solubile), vitamina C, P e K e sali minerali quali sodio, potassio, magnesio, calcio, ferro, rame e fosforo. La sinergia di tutti questi elementi, conferiscono al caffè di cicoria le seguenti proprietà:

 

  • Digestiva: il caffè di cicoria stimola la secrezione gastrica, per cui è indicata subito dopo i pasti per migliorare la digestione, in particolare di carne e pesce (che hanno bisogno di un acidità gastrica superiore per essere ben digerite).
  • Depurativa: la cicoria è da sempre considerata una pianta “amica del fegato”. Merito delle sostanze amare contenute nella radice, che svolgono un’azione stimolante e disintossicante del fegato, rallentando lo stress ossidativo e riducendo gli eventuali danni epatici presenti.
  • Nutre e migliora la flora batterica: la radice di cicoria contiene inulina, una fibra solubile che nutre e migliora la flora batterica intestinale, il cui ruolo è fondamentale per contrastare i possibili attacchi di virus, batteri e funghi patogeni.
  • Lassativa: la cicoria ha proprietà coleretica e colagoga, ovvero stimola la secrezione di bile e ne favorisce l’afflusso dalla cistifellea verso l’intestino, migliorando il transito intestinale. Anche le fibre (inulina) contribuiscono al transito delle feci, aiutando quindi a migliorare casi di stitichezza ostinata.
  • Anti-diabetico: sempre l’inulina, la fibre solubile contenuta nella radice di cicoria, ha un’azione regolatrice nei confronti della glicemia (il valore della concentrazione di glucosio nel sangue). Per questo motivo il caffè di cicoria risulta essere la bevanda ideale anche per le persone affette da diabete e da iperglicemia.
  • Antiossidante: la radice di cicoria è ricca di polifenoli, sostanze con spiccata azione antiossidante. Contrastano i radicali liberi con effetto antinvecchiamento.

Controindicazioni

Il caffè caffè di cicoria, così come la stessa cicoria, andrebbero evitati in gravidanza, dato che può stimolare le contrazioni uterine.

Come per il caffè classico, anche quello di cicoria è controindicato alle persone che soffrono di gastrite, ulcera peptica.

Annunci