Mitologia selknam

Da Wikipedia, l’enciclopedia libera.

La mitologia selknam è la raccolta dei miti appartenenti alla cultura selknam e haush, nella Terra del Fuoco.

Cosmologia

Nella mitologia selknam, il cosmo è diviso in quattro sho’on o cieli infiniti, che rappresentano i quattro punti cardinali:[1]

  • Kamuk: Cielo del Nord.
  • Kéikruk: Cielo del Sud.
  • Wintek: Cielo dell’est. È il più importante dei quattro sho’on, essendo la residenza di Temáukel e la fonte di tutta l’esistenza.[2][3][4]
  • Kenénik: Cielo dell’ovest.

Ogni shó’on è stato associato con le stagioni. Il Kamuk simboleggiava la primavera e l’estate, il Kéikruk l’inverno, il Kenénik l’autunno e, infine, il Wintek simboleggia tutte le stagioni e, forse, anche il tempo.[5]

Dei e spiriti

La religione dei Selknam tende ad essere descritta come politeista, principalmente dall’esistenza di vari personaggi che sono considerati divinità. Ma nondimeno, è necessario chiarire che, secondo le credenze del popolo selknam solo Temáukel è riconosciuto come un dio, mentre tutti gli altri personaggi della mitologia sono identificati come antenati mitologici. D’altra parte, è importante indicare che le caratteristiche attribuite a questi antenati mitologiche sono tipiche di quelle esseri che potremmo definire come dei. Per questo, è quindi possibile considerare che la religione dei Selknam era, piuttosto, di carattere enoteistica. Così, abbiamo un essere superiore, simile al Dio delle religioni abramitiche, che corrisponde a Temáukel; dei o antenati mitologiche chiamati howenh, di cui il primo per abitare la Terra era Kenos, un dio creatore, mandato da Temáukel[3]; e infine Xalpen e loro subordinati, i Soorts, che erano gli abitanti del mondo sotterraneo.

Temáukel

Temáukel è il dio supremo del pantheon e selknam e haush[2][3] e, in teoria, di tutte le divinità Selknam, è l’unico che è considerato un dio in sé, dal momento che le altre divinità sono identificati, piuttosto come antenati mitologici. Si tratta di un dio primordiale, quindi, è sempre esistito[6]. Abita nella Cupola Celeste, nel Wintek, ed è il creatore de la stessa e la Terra primitiva.

Howenh

I howenh, sebbene sono dei, non sono stati riconosciuti da Selknam come divinità stessa, ma come antenati mitologici, dal momento che l’unica divinità in quanto tale è Temáukel. Costituiscono le grandi forze della natura, ma prima di trasformarsi in questi elementi, erano umani. Tra i più importanti è Kenos, il primo dei howenh; Kwányip e Čénuke; Kojh, howenh del mare; Kren, howenh del sole; Kre, howenh della luna; Josh, howenh della neve; e Shenrr, howenh del vento.

Xalpen

Xalpen è la dea degli inferi. Ha sette compagni chiamati Soorts: Sate, Yoisik, Wakus, Keyaisl, Talen, Pawus e Sanu. Oltre a loro, ci sono un sacco di Soorts subordinati senza un nome specifico.[3]

Note

  1. ^ [1] pueblosoriginarios.com. Cosmología Selknam
  2. ^ a b Chapman, A. Culturas tradicionales. Patagonia. Fin de un mundo. Los selknam de Tierra del Fuego
  3. ^ a b c d [2] Gusinde, M. Los indios de Tierra del Fuego. Tomo primero volumen II. Los Selk’nam
  4. ^ [3] Hidalgo, J. y col. Culturas de Chile. Etnografía. Sociedades Indígenas Contemporáneas y su Ideología.
  5. ^ [4] Chapman, A. Drama and Power in a Hunting Society: The Selk’nam of Tierra Del Fuego. Cambridge Studies in Social Anthropology, ISSN 0068-6794. Cambridge University Press 1982.
  6. ^ Pueblos originarios, Cosmología Selknam

 

Annunci